Perché sono tutti così ossessionati dall’andare su Marte? Ecco alcuni altri mondi maturi per l’esplorazione

Perche sono tutti cosi ossessionati dallandare su Marte Ecco alcuni QaOgb48 1 1

Il mese scorso, la Cina ha fatto atterrare e dispiegato con successo il rover Zhurong su Marte, diventando il secondo paese a mettere le ruote sulla superficie del pianeta rosso.

L’anno scorso gli Stati Uniti, gli Emirati Arabi Uniti e la Cina hanno tutti lanciato missioni su Marte, approfittando del tempo di viaggio relativamente breve offerto dalla vicinanza insolita dei due pianeti.

Perché gli scienziati planetari sono così ossessionati da Marte? Perché spendere così tanto tempo e denaro su questo pianeta quando ce ne sono almeno altri sette nel nostro sistema solare, più di 200 lune, innumerevoli asteroidi e molto altro ancora?

Fortunatamente, stiamo andando su altri mondi, e ci sono molte missioni in posti molto eccitanti nel nostro sistema solare – mondi che scoppiano di caratteristiche esotiche come vulcani di ghiaccio, anelli di detriti ghiacciati, ed enormi campi magnetici.

Attualmente ci sono 26 veicoli spaziali attivi sparsi per il nostro sistema solare. Alcune orbitano intorno ad altri pianeti e lune, altre sono atterrate sulla superficie di altri mondi e altre ancora hanno eseguito dei fly-by per trasmettere immagini. Solo la metà di esse sta visitando Marte.

In queste 26 navicelle sono incluse missioni a lungo termine come Voyager 1 e 2 – che sono ancora operative dopo oltre 40 anni e che ora hanno lasciato il sistema solare e si sono avventurate nello spazio interstellare. E comprende anche alcune navicelle meno famose, ma non meno strane e meravigliose.

Sonde spaziali attive nel sistema solare. Di Olaf Frohn – http://www.planetary.org/multimedia/space-images/charts/whats-up-in-the-solar-system-frohn.html (link immagine), CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=80963751

Prendiamo la sonda Juno in orbita intorno a Giove, per esempio. Lanciata nel 2011, è arrivata in orbita attorno a Giove quasi cinque anni dopo. Ora sta misurando varie proprietà del pianeta gigante, tra cui il suo campo magnetico, le condizioni atmosferiche e determinando quanta acqua c’è nell’atmosfera di Giove. Questo aiuterà i teorici a capire quale teoria sulla formazione dei pianeti è corretta (o se sono necessarie nuove teorie). Juno ha già superato la durata prevista della sua missione di sette anni, ed è stata estesa almeno fino al 2025.

LEGGI  LEGGI: Lenovo rilascia una nuova linea di accessori per computer portatili

Corsa rocciosa

Una delle imprese più complesse dell’astrodinamica è stata completata alla fine dello scorso anno, quando l’Agenzia Spaziale Giapponese (JAXA) non solo ha fatto atterrare una navicella su un asteroide, ma con una spettacolare manovra a fionda ne ha riportato un campione sulla Terra.

Hayabusa2, che prende il nome dal termine giapponese per indicare un falco pellegrino, ha completato un rendezvous con l’asteroide 162173 Ryugu nel 2018, sorvegliando la superficie e prendendo campioni.

Partendo nel 2019, Hayabusa2 ha usato i suoi motori a ioni per cambiare orbita e tornare sulla Terra. Il 5 dicembre 2020, una capsula per il ritorno dei campioni delle dimensioni di una cappelliera e del peso di 16 chilogrammi è stata lanciata attraverso l’atmosfera terrestre, atterrando indenne al Woomera Test Range in Australia.

Mentre la JAXA inizia ad analizzare le rocce e la polvere raccolte sull’asteroide Ryugu, Hayabusa2 è di nuovo in viaggio – questa volta per incontrare un secondo asteroide, 1998 KY_(26), nel 2031.

Pozzo di conoscenza

Non inclusi nella lista delle missioni planetarie di prima, sono quei veicoli spaziali intrappolati in pozzi gravitazionali all’interno del nostro sistema solare.

Ci sono luoghi speciali nelle orbite chiamati punti lagrangiani, che sono punti gravitazionalmente equilibrati tra due corpi.

I punti di Lagrange sono posizioni nello spazio dove le forze gravitazionali di un sistema a due corpi come il Sole e la Terra producono regioni potenziate di attrazione e repulsione. Queste possono essere utilizzate dai veicoli spaziali per ridurre il consumo di carburante necessario per rimanere in posizione. Squadra scientifica NASA/WMAP

Il Solar and Heliospheric Observatory (SOHO) è uno dei quattro veicoli spaziali vicini al punto lagrangiano tra la Terra e il Sole, a circa 1,5 milioni di chilometri dalla Terra (circa quattro volte più lontano della Luna).

LEGGI  Linux Review Board: I ricercatori non riescono a inserire patch buggate nel kernel

Fa osservazioni dello strato esterno del Sole e del vento solare, inviando un avvertimento tempestivo alla Terra di un tempo spaziale potenzialmente disastroso. Le tempeste geomagnetiche provenienti dal Sole sono abbastanza potenti da colpire la Terra con esplosioni elettromagnetiche così forti da mettere fuori uso le reti elettriche di tutto il paese.

Un altro luogo ostile è il nostro vicino planetario più vicino, Venere. Nonostante le temperature roventi e le pressioni schiaccianti sulla superficie, la NASA ha recentemente approvato il finanziamento di due grandi missioni per esplorare le origini di Venere e la sua atmosfera. La scoperta del gas fosfina nell’atmosfera superiore ha portato gli scienziati a credere che la vita possa esistere alle temperature più abitabili e più fresche delle altezze più elevate.

Sulla scia del successo del volo dell’elicottero Ingenuity su Marte – il primo volo di un aereo a motore su un altro mondo – la missione Dragonfly della NASA farà volare un drone attraverso l’atmosfera della luna ghiacciata di Saturno, Titano. Con il lancio nel 2026 e l’arrivo nel 2034, il rotore volerà verso decine di luoghi promettenti su Titano alla ricerca di precursori chimici o di vita simili a quelli della Terra.

Quanto costa tutto questo?

I governi tendono a destinare quantità relativamente piccole dei loro bilanci alla scienza e all’esplorazione spaziale. I paesi spendono tipicamente meno dell’1% del loro budget per le missioni spaziali – molto meno dei servizi sociali o della difesa militare.

Decidere quali missioni spaziali riceveranno quei soldi è molto spesso guidato dall’interesse pubblico. Ma cercare di decidere definitivamente quale sonda o veicolo spaziale offra il miglior rapporto costi-benefici è quasi impossibile.

Quando l’uomo ha messo piede per la prima volta sulla Luna, il 25% della popolazione mondiale ha guardato il video con il fiato sospeso, ispirando diverse generazioni di esploratori spaziali per i decenni successivi. Non si può dare un prezzo a questo.

Immagini utilizzate per gentile concessione di Pexels/SpaceX

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi l’articolo originale.