Apple mostra StoreKit 2 per offrire un migliore supporto ai clienti in iOS 15

Apple mostra StoreKit 2 per offrire un migliore supporto ai clienti in dcNfIsd19 1 1

Apple ha introdotto StoreKit 2, un insieme di API per gli acquisti in-app e le sottoscrizioni come parte del lancio di questa settimana di iOS 15, iPadOS 15 e watchOS 8. Questi strumenti basati su Swift potrebbero aiutare gli sviluppatori a tracciare e supportare meglio gli acquisti effettuati dai loro utenti. Questo significa che gli sviluppatori non dovranno più fare affidamento su alcune soluzioni di terze parti come RevenueCat.

Il kit introduce nuove API per determinare i diritti dei prodotti e l’idoneità per le offerte, ottenere rapidamente la storia degli acquisti in-app di un utente, scoprire lo stato più recente di un abbonamento con un semplice controllo. Fornisce un modo per gli utenti di gestire gli abbonamenti e richiedere rimborsi in-app.

L’azienda sta anche aggiornando le API del server App Store e le notifiche del server App Store in modo che gli sviluppatori possano sapere quando l’abbonamento di un utente scade in tempo reale. Si noti che può essere offerta anche un’estensione gratuita.

Apple mostra StoreKit 2 per offrire un migliore supporto ai clienti in x3vxjgcAp 2 4

In un post sul blog che analizza i cambiamenti di Apple, RevenueCat nota che le caratteristiche di StoreKit 2 funzionano solo quando i dispositivi girano su software più recenti come iOS 15. Le app che supportano ancora le vecchie versioni del sistema operativo di Apple sono incoraggiate ad utilizzare lo StoreKit originale. StoreKit 2 e StoreKit sono interoperabili. Apple ha scritto: Gli acquisti effettuati con le API StoreKit originali saranno ancora accessibili attraverso le nuove API StoreKit 2 per le transazioni e le informazioni di rinnovo.

Questi cambiamenti potrebbero rendere molto più facile offrire il tradizionale supporto clienti per gli acquisti in app. È interessante notare che, dal punto di vista di Apple, questo è un altro piccolo incentivo per gli sviluppatori a fornire qualche tipo di acquisto in-app o abbonamento che benefici finanziariamente l’azienda.

LEGGI  Android 12: data di uscita, caratteristiche, telefoni e beta in partenza