La star di Hacks: La star di Hacks Hannah Einbinder dice di avere fiducia che Ava crescerà e maturerà nella seconda stagione

La star di Hacks La star di Hacks Hannah Einbinder dice di avere RNj9s 1 1

È estremamente improbabile che Hannah Einbinder dimentichi le sue audizioni per Hacks. Non solo le hanno assicurato il ruolo di Ava al fianco di Jean Smart, ma l’intera procedura si è svolta quando la pandemia COVID-19 era appena iniziata. Nell’ultimo episodio del podcast Just for Variety, la Einbinder racconta: Sono andata in un ufficio di casting a Santa Monica un paio di giorni prima del 13 marzo 2020, il blocco iniziale del COVID. Ho letto con un collega, e pochi giorni dopo il COVID ha colpito.

Ho saputo che avrei fatto un richiamo, ma che non erano sicuri di come sarebbe avvenuto. Mi ci sono voluti circa due mesi per completare un callback che ho condotto su Zoom. Tutto era strano. Alla fine è stata chiamata per una lettura chimica con Jean Smart di persona C’erano solo due lampade da interrogatorio e due sedie sul palcoscenico nero e vuoto, secondo Einbinder.

Cosa è cambiato più drasticamente tra le stagioni 1 e 2 di Ava?

stella degli hack cZXeFg7Sb 2 4

Credo che abbia superato molti dei primi dolori ed errori di sviluppo. All’inizio della seconda stagione, la vediamo alle prese con le conseguenze di un evento della prima stagione, ma dopo che la situazione si è in qualche modo risolta, lei non è più il centro del contendere. Non c’è nulla che abbia fatto di sbagliato a guidare la trama. La nuova ora di Deborah e il lavoro che le due stanno svolgendo sono al centro della scena. A mio parere, sembra che stia iniziando a riprendersi.

Leggi tutto: Coco Chanel Dossier Profumo.Co: Miglior Coco Chanel Dossier Profumo Co Dovrebbe essere in realtà

Come è andato il tuo debutto nella stand-up comedy?

Quando Nicole Byer visitò il mio college e chiese se qualcuno del team di improvvisazione volesse aprire per lei, fu allora che mi esibii dal vivo per la prima volta. Come una sorta di volontario, mi sono unito al team di improvvisazione. Ho scritto e messo insieme una piccola performance improvvisata mentre mi esibivo agli open mics della mia scuola per circa otto minuti. Poi l’ho aperto per lei davanti a un teatro pieno di compagni di classe. È stato snervante, ma anche rassicurante in una sorta di rete di sicurezza, perché pensavo: Oh mio Dio, amo Nicole Byer. Mi lascia fare questo? Come può farlo? Ma poi sono diventata dipendente.

LEGGI  Quanti anni ha John Fetterman? I democratici devono prestare attenzione al test che John Fetterman sta conducendo.

Hai partecipato al gruppo di improvvisazione, ma all’epoca non stavi considerando la possibilità di fare stand-up

Mi piace lo stand-up. Mi è sempre piaciuto. Non mi ero mai immaginato di farlo o di fare materiale comico. Sono diventato membro del team di improvvisazione dopo che un giovane ha pensato che fosse divertente che io provassi perché era il presidente. Quindi non avevo mai pensato a tutto questo. Sono ancora un ebreo nevrotico che vive nel suo cervello, quindi l’improvvisazione non era una cosa che mi riusciva molto bene all’epoca. Tuttavia, ero giovane e all’epoca ero molto più concentrato sulla mia testa. Tuttavia, mi piaceva l’umorismo, così quando si è trattato di fare stand-up, ho detto: Puoi prepararti. Non c’è pressione perché tutto è organizzato, considerato e pianificato. Cominciai a capire che era più adatto a me. Sono migliorato nell’improvvisazione mentre mi esercitavo nello stand-up perché avevo una riserva di battute divertenti su cui contare. Ora mi piace molto l’improvvisazione.

Hai dovuto dire ai tuoi genitori che eri un comico?

stella degli hack 0k8vy 3 5

A loro merito, i miei genitori sono sempre stati onesti con me sulla natura di questo lavoro. Sono abbastanza fortunato ad aver ricevuto questo feedback. Anche se sono rassicuranti, sono più che altro pratici. Mia madre mi ha risposto: Sai, non so quando ho chiesto se potevo farlo. Fortuna. Dice: Penso che tu sia divertente e ti voglio bene, ma essere divertente non è sempre importante. Ci sono numerosi aspetti che influiscono sulla capacità di una persona di guadagnarsi da vivere in questo settore, e per qualche tempo mi ha servito quello che sembrava essere un vero e proprio tè. Credo che tu sia spiritoso, ma non dipende da me o da altri, mi hanno sempre detto. Devi agire in base alla situazione.

Avete mai sentito il consiglio: Sai, magari non farlo così pubblicamente? È qui che inizierà la tua carriera, quindi forse non ti conviene farlo.

LEGGI  Back to Black, il biopic su Amy Winehouse: Tutto quello che sappiamo

No. Sono estremamente fortunato a vivere in una situazione in cui questo non mi riguarda direttamente. Credo che sia molto probabile che ciò accada. C’è pressione per avere appeal, o appeal pubblico, credo, per coloro che ricoprono ruoli incredibilmente mainstream. Kristen Stewart è forse un esempio eccellente di una persona che si trova in questa situazione, perché fa parte di un franchise così grande. Ho avuto la fortuna di iniziare a lavorare in uno show in cui il mio personaggio è LGBT e sono circondata da artisti, donne e altri individui che lo accettano. Sono stata davvero fortunata. Ne ho parlato anche da quando ho iniziato a fare stand-up. Non c’è censura nella stand-up. I miei manager sono due persone incredibilmente meravigliose, assolutamente fantastiche. Sono sempre stati incredibilmente solidali e affettuosi. Ho avuto un’esperienza molto fortunata e affascinante.

Leggi tutto: Trucchi Chipotle: Con questo trucco trendy di Chipotle, potete acquistare un burrito sorprendentemente economico.

Ava era gay quando sei stato scritturato per il ruolo di Ava o era gay all’epoca?

È sempre stata gay. Mi ha sollevato vederlo nella descrizione del personaggio perché era la prima donna bisessuale per cui avevo fatto un provino. Quando hanno sentito che lo facevi nel tuo standup, la tua famiglia o i tuoi amici si sono preoccupati per te?

Ho avuto degli incontri durante gli spettacoli. Per lo più si trattava di uomini che si comportavano in modo ripugnante. Ma questo mi ha dato un aspetto più duro. Sono sempre stata molto sensibile, come un fiore delicato, ma la stand-up mi ha dato dei meccanismi per gestire il mondo esterno e la mia bolla non-L.A. quando vado a visitare questi luoghi dove non vivo in questa utopia.

Pertanto, credo che sia stato uno strumento utile e importante per il lavoro e lo stile di vita che ho scelto e che ho potuto vivere. Ma provengo anche da una famiglia molto liberale, ebraica, LGBT e progressista. Mia nonna era lesbica dichiarata negli anni ’60 e ho due fratelli trans. Questa è la mia realtà. Per renderlo più breve e chiaro, questo Q&A è stato modificato. L’intera intervista a Just for Variety può essere ascoltata qui sopra. Inoltre, è possibile scoprirla ovunque si scarichino i podcast preferiti, compreso Apple Podcast.

Per conoscere gli ultimi aggiornamenti potete visitare il nostro sito web: The News Pocket