Activision smonta il creatore di cheat AI di ‘Call of Duty: Warzone’.

Activision smonta il creatore di cheat AI di Call of Duty Warzone Vvku2ZXfd 1 1

Activision ha stroncato l’aimbot hack praticamente non rilevabile per Call of Duty: Warzone, costringendo il suo creatore a togliere il suo servizio.

Secondo un rapporto di Vice, il publisher di Call of Duty: Warzone, Activision, ha fatto un attacco preventivo a Userviz, il proliferatore dell’aimbot AI. Come riportato la scorsa settimana, questo aimbot era noto per le sue capacità di apprendimento automatico.

L’hack dell’AI aimbot usa l’apprendimento automatico

Alla fine della scorsa settimana e all’inizio di questa, un hack AI aimbot è venuto alla luce. Il gruppo anti-cheat Anti-Cheat Police Department ha mostrato un video promozionale su Twitter. Lì, il cheat ha elencato i suoi numerosi vantaggi.

Per cominciare, era platform-agnostic, il che significa che funzionerà sia per PC che per console. Può anche funzionare con qualsiasi gioco oltre Warzone e userà l’apprendimento automatico per migliorare. Il cheat ha sfruttato l’auto-aim, e anche l’auto-lock on.

L’imbroglio utilizza l’apprendimento automatico e invia input al vostro controller ogni volta che vede un bersaglio valido, questo è l’aiuto alla mira ma più amplificato senza che voi dobbiate fare nulla, tutto quello che dovete fare è mirare nell’area generale e la macchina farà il lavoro per voi, ha detto ACPD nel suo tweet.

Ora, sembra che Activision abbia dato un giro di vite al servizio. Activision ha costretto Userviz a chiudere.

LEGGI  Aggiornamento sulla seconda stagione di 'Record Of Ragnarok': Rivelata la finestra di uscita, nuovo teaser

Il creatore di cheat dice che il software non è destinato all’exploit

Nell’annuncio, si nota che lo sviluppatore del cheat, un anonimo di nome User101 ha detto che fermerà lo sviluppo del sistema. Essi, tuttavia, negano che stanno commercializzando il software come un metodo di exploit.

Team, questa dichiarazione non era richiesta, ha detto lo sviluppatore. Tuttavia, su richiesta di Activision Publishing, Inc (Activision), non svilupperò o fornirò più l’accesso a software che potrebbero essere usati per sfruttare i loro giochi.

Il mio intento non è mai stato quello di fare qualcosa di illegale. Alla fine del video che ha portato tanta attenzione su questo progetto, c’era scritto ‘coming soon’. Il software non è mai stato pubblicato.

Questo tipo di tecnologia ha altri effettivi benefici assistenziali, per esempio, puntando una webcam su se stessi si potrebbe controllare il movimento senza l’uso degli arti. Purtroppo, a causa del suo potenziale impatto negativo, non lo svilupperò ulteriormente.

L’intero software era estremamente anticoncorrenziale. Call of Duty: Warzone non era l’unico obiettivo dell’exploit. Con l’apprendimento automatico, livelli estremi di software cheat potrebbero uscire in futuro.

Raven Software, gli sviluppatori di Call of Duty: Warzone, hanno ammesso che gli hacker stanno rovinando alcuni dei loro migliori lavori. Inoltre, sono in una continua battaglia contro gli hacker persistenti sulla piattaforma.

Immagine in evidenza per gentile concessione di Call of Duty/Youtube Screenshot