Maya e i tre stagione 2: rinnovato o cancellato?

Maya e i tre stagione 2 rinnovato o cancellato yNoYS 1 1

Maya and the Three’ di Netflix è una brillante serie animata fantasy che segue le avventure della principessa quindicenne Maya, The Eagle Warrior, mentre cerca di sconfiggere Lord Mictlan, il Dio della Guerra, e compiere un’antica profezia. Tre guerrieri talentuosi ma emarginati la accompagnano – Rico, il Mago Gallo, Chimi, il Guerriero Teschio, e Picchu, il Barbaro Puma. Creato da Jorge R. Gutiérrez, lo spettacolo comico combina elementi delle culture mesoamericane storiche e contemporanee con la formula di un fantasy animato ricco di azione.

Maya e i Tre ha ricevuto recensioni entusiastiche alla sua première nell’ottobre 2021 per le sue eccezionali realizzazioni tecniche, le trame intricate, i personaggi ben strutturati e la celebrazione delle culture mesoamericane. Non è quindi una sorpresa che i fan vogliano vedere di più della coraggiosa Maya, della sua strana squadra e del suo vivido e splendido mondo. Quindi, ci sarà una seconda stagione? Ecco tutto quello che possiamo dirvi sulla stagione 2 di ‘Maya and the Three’.

Maya e i Tre Stagione 2 Data di uscita

La stagione 1 di ‘Maya and the Three’ ha debuttato integralmente il 22 ottobre 2021 su Netflix. La stagione comprende nove episodi con una durata di 26-44 minuti ciascuno.

Vi starete chiedendo della stagione 2. Sfortunatamente, sembra che Maya and the Three non tornerà per una seconda stagione, poiché il suo viaggio inaugurale è stato annunciato come un evento animato di Netflix, evidenziando la sua natura limitata predeterminata. Inoltre, tutti gli archi della storia e dei personaggi sono stati risolti ordinatamente nel finale di stagione. Si può anche dire che ‘Maya and the Three’ sembra più un film d’animazione in nove parti che una serie televisiva animata. E c’è una ragione dietro questo.

LEGGI  22 migliori serie TV britanniche/BBC su Netflix in questo momento

Quando Netflix ha chiesto a Gutiérrez nel 2018 di proporre un’idea unica che gli stesse a cuore, il gigante dello streaming ha specificato che ne avrebbe proposta una che non sarebbe stata realizzata altrove. Quello che è uscito dalla mia bocca è stato: ‘Voglio fare tre film di fila su una principessa guerriera mesoamericana che salverà il mondo’, ha dichiarato Gutiérrez.

Il suo progetto da sogno, ‘Maya and the Three’, si è infine concretizzato in una miniserie di nove episodi, che consente un’esplorazione molto più dettagliata di tutti i personaggi e delle trame. La serie limitata di Netflix rimane fedele alla visione e alla missione di Gutiérrez di esplorare il folklore e le tradizioni delle culture messicana, caraibica e inca attraverso la lente di un fantasy epico molto divertente.

Quindi, considerando tutte le informazioni a disposizione, sembra improbabile che la seconda stagione di Maya and the Three venga mai realizzata. Per ora, non ci sono piani ufficiali per rimettere in onda Maya and the Three nonostante i grandi ascolti e le fantastiche recensioni che continua a raccogliere. Le cose potrebbero cambiare o meno in futuro – solo il tempo lo dirà e non fa male essere un po’ speranzosi. Ma per ora, è certo che dobbiamo dire addio all’esuberante principessa guerriera mesoamericana che ci ha rubato il cuore.

Forse non avremo una seconda stagione, ma possiamo certamente rivedere e riscoprire la bellezza e la complessità di Maya e i Tre ancora una volta. Quando amo un film, lo guardo un milione di volte. Così quando ho fatto questo [‘Maya e i tre’], per me era ‘Aggiungerò tante piccole cose!’ in modo che quando lo guardi di nuovo inizi a cogliere tutte queste altre cose, ha detto Gutiérrez. C’è un bazilione [di cose], come una cipolla, ci sono un milione di strati. Chiaramente, il creatore stesso raccomanda di dare alla serie un rewatch. Noi vi suggeriamo di seguire immediatamente il suo consiglio!

LEGGI  Ragdoll è su Netflix, Hulu, Prime o HBO Max?

Potete anche controllare gemme visive come Coco, Soul, Luca, Vivo, Moana, Raya and the Last Dragon e The Book of Life di Gutiérrez se avete voglia di racconti coinvolgenti di culture minoritarie spesso inesplorate nel campo dell’animazione.