La voce di Anthony Bourdin nella narrazione di Artificial Intelligence è controversa

La voce di Anthony Bourdin nella narrazione di Artificial Intelligence lvJdwjL5 1 1

Dopo che i registi hanno rivelato che stavano usando l’intelligenza artificiale per imitare la voce del defunto chef Roadrunner.

Un nuovo documentario su Anthony Bourdain ha scatenato polemiche: Anthony Bourdain ha raccontato un video narrato utilizzando materiale d’archivio. La voce di sintesi è integrata da una voce generata dal computer.

Così come quello ha aggiunto la lettura del cortometraggio Mr. Passerby. Il signor Bourdain è morto nell’anno 2018.

Tecnica AI – Voce

Il regista Morgan Neville sapeva che si trattava di una tecnica di narrazione contemporanea. Tuttavia, alcuni critici si sono chiesti se fosse stato etico o meno. Il signor Neville ha detto che la voce sintetica è stata creata alimentando ben dieci ore di voce del signor Anthony Bourdain in un sistema di apprendimento automatico.

Ha detto che la tecnica è stata impiegata nel film e il supporto del patrimonio e dell’agente letterario di Anthony Bourdain. Afferma Variety che c’erano molte frasi che il signor Bourdain ha scritto che non ha mai parlato ad alta voce. Pertanto la voce computerizzata è stata utilizzata per dare vita alla sua scrittura.

Il signor Bourdain si è tolto la vita nel 2018. Era uno dei più noti chef e agenti letterari d’America. Allo stesso modo, presentava programmi di cibo e viaggi e, allo stesso modo, scriveva una varietà di libri popolari.

LEGGI  La rete di prova 5G di Airtel va in funzione a Mumbai

Nel 2016, ha condiviso un pasto da 6 dollari (4,30 sterline) con Barack Obama in un piccolo ristorante di Hanoi durante un piccolo edificio della capitale del Vietnam, quando l’allora presidente americano ha visitato il Vietnam.

Voce profonda

Scrivendo a proposito della voce fasulla all’interno del film. Da qui Helen Rosner del New Yorker ha sottolineato che l’assenza di cuciture del risultato è inquietante.

Il recensore Sean Burns ha criticato l’uso imprevisto di quella che lui conosceva come una voce deepfake.

David Leslie, responsabile dell’etica all’Istituto Alan Turing. Inoltre, il suddetto problema ha mostrato l’importanza di informare il pubblico che la tecnologia di intelligenza artificiale è stata utilizzata. Così come di prevenire la gente per evitare che le persone possano presumibilmente sentirsi ingannate o manipolate.

Tuttavia, ha detto che la fluidità dell’effetto è strano che sia stata una questione elegante. Inoltre, l’impiego della tecnologia dell’intelligenza artificiale nei documentari non dovrebbe essere dominato. In un mondo in cui i vivi possono acconsentire allo sfruttamento della tecnologia dell’intelligenza artificiale per allevare le loro voci postume.

E dove la gente è stata creata consapevole che una tale tecnologia è stata utilizzata, in anticipo e in anticipo. Inoltre, si potrebbe immaginare che questo tipo di applicazione potrebbe servire a scopi documentali utili, ha detto.

La BBC ha contattato i registi per un commento.