Il vaping e le sigarette elettroniche sono glamourised sui social media, mettendo i giovani in pericolo

Il vaping e le sigarette elettroniche sono glamourised sui social acNLSUoVe 1 1

Nonostante la loro diffusa reputazione come un’alternativa più sicura alle sigarette, le sigarette elettroniche (note anche come sigarette elettroniche o vapes) sono tutt’altro che innocue, in particolare per gli adolescenti, il cui cervello in via di sviluppo può subire effetti negativi per tutta la vita dai prodotti contenenti nicotina.

Eppure il vaping e le sigarette elettroniche sono ampiamente promosse sui social media dall’industria e dagli influencer, utilizzando tattiche pubblicitarie che sono state bandite per il tabacco in Australia negli anni ’80 per i media tradizionali. Questa sfacciata promozione non è tollerata offline, quindi perché sta succedendo sui social media?

Immagine di Twitter.

Su Twitter, YouTube e Instagram, le sigarette elettroniche sono spesso rappresentate come un’alternativa sana e sicura alle sigarette. Questo è in contrasto con l’opinione delle autorità sanitarie come l’Ufficio del Chirurgo Generale, il Dipartimento Federale della Salute e l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Ci sono prove sostanziali che le sigarette elettroniche hanno effetti negativi sulla salute, ma poiché sono relativamente nuove (sono state introdotte sul mercato statunitense nel 2007) i loro effetti a lungo termine sono meno chiari.

Eppure le sigarette elettroniche sono pubblicizzate online come un’attività ricreativa innocua. Il succo di vape (che può o non può contenere nicotina) è disponibile in gusti come l’orsetto gommoso, il dolcetto al cioccolato e la ciliegia, mentre gli influencer dei social media dimostrano divertenti trucchi di vaping o modi per personalizzare i dispositivi di sigaretta elettronica. Ci sono anche comunità di vaping online che offrono supporto sociale e connessione.

Non c’è una legislazione federale australiana che si applica direttamente alle sigarette elettroniche. Invece, si applicano diverse leggi relative a veleni, beni terapeutici e tabacco. In tutti gli stati e territori australiani, è illegale vendere sigarette elettroniche contenenti nicotina, ma gli utenti possono importarle legalmente attraverso uno schema di importazione personale se hanno una prescrizione medica.

Quelle che non contengono nicotina possono essere vendute in alcune parti dell’Australia, purché non ci siano indicazioni terapeutiche. La nostra ricerca ha scoperto che, nonostante le restrizioni dell’Australia, internet sta facilitando l’accesso delle persone alla nicotina e ai prodotti di vaping. Si stima che tre quarti degli acquisti di sigarette elettroniche siano fatti online.

LEGGI  LEGGI: Google sta sviluppando una versione Android della rete Find My di Apple?

Dove viene promosso il vaping sul web?

Per trovare questi contenuti, tutto ciò di cui hai bisogno è uno smartphone e alcuni hashtag rilevanti come i nomi dei prodotti, o termini correlati come: #vape, #vapelife, #vapesale, e #ejuice.

Le immagini di Instagram, Twitter e TikTok mostrano un misto di tecniche pubblicitarie moderne e tropi pubblicitari usati per decenni dall’industria del tabacco. Ci sono immagini di donne scarsamente vestite con sigarette elettroniche, dettagli sui gusti allettanti dei succhi di svapo e offerte di sconto. La portata di questo contenuto è allarmante.

Tattiche pubblicitarie della vecchia scuola su Twitter.

Questa promozione, unita alla diversità e al fascino del prodotto, alla facilità di acquisto online e alla mancanza di un’adeguata verifica dell’età, sostiene la crescita delle sigarette elettroniche, in particolare tra i giovani. I giovani sono i più grandi utenti dei social media, e vengono direttamente presi di mira.

L’uso delle sigarette elettroniche è stato descritto come una epidemia tra i giovani. In Australia, dal 2013, l’uso di sigarette elettroniche per tutta la vita è aumentato in modo significativo – raddoppiando nei ragazzi tra i 14 e i 17 anni (dal 4,3% al 9,6%) e quasi triplicando in quelli tra i 18 e i 24 anni (dal 7,9% al 26,1%), mentre i tassi di fumo di sigaretta sono diminuiti.

Questo aumento dell’uso delle sigarette elettroniche da parte dei giovani australiani è particolarmente preoccupante. Mentre la promozione e la pubblicità di questo prodotto sono strettamente regolate offline, con restrizioni di età relativamente facili da far rispettare, spacciarsi per adulti online è spesso semplicemente una questione di spuntare una casella.

Nonostante i pericoli delle sigarette elettroniche, molti adolescenti hanno opinioni positive su di esse. I sondaggi hanno rivelato che i giovani considerano le sigarette elettroniche come un’alternativa più sana e meno coinvolgente delle sigarette, con meno sostanze chimiche nocive e meno rischi per la salute dovuti al vapore passivo.

Le compagnie del tabacco hanno una tradizione di infiltrazione nei media per i giovani. Quasi tutti gli australiani tra i 18 e i 29 anni usano i social media, per più di 100 minuti al giorno in media. L’alta visibilità delle sigarette elettroniche disponibili sui social media può favorire la consapevolezza, incoraggiare la sperimentazione e l’adozione, e cambiare le norme sociali intorno al vaping.

Le piattaforme dei social media hanno le loro politiche sulla pubblicità del tabacco. Facebook e la sua sussidiaria Instagram stipulano:

Le pubblicità non devono promuovere sigarette elettroniche, vaporizzatori o altri prodotti che simulano il fumo.

Questa politica è stata ora estesa a tutte le vendite private, scambi, trasferimenti o regali di prodotti del tabacco. Qualsiasi marchio che pubblica contenuti relativi alla vendita o al trasferimento di questi prodotti deve limitarli agli adulti di 18 anni o più. Se questo sia possibile sui social media è ancora da vedere.

LEGGI  General Motors sta per fare un investimento multimilionario nell'estrazione del litio per i suoi EVs

Promozione dell’immagine su Twitter.

La politica di Twitter sulla pubblicità a pagamento vieta la promozione di prodotti del tabacco, accessori e marchi a livello globale. Ma questo non si estende al contenuto dei singoli account.

La politica pubblicitaria di TikTok afferma che:

Le creazioni pubblicitarie e le landing page non devono mostrare o promuovere tabacco, prodotti legati al tabacco come sigari, pipe da tabacco, carte da arrotolare o sigarette elettroniche.

Pubblicità di succhi di vape su TikTok.

Ma sui social media, dove il contenuto influencer è il re, i confini tra il contenuto veramente organico e gli inserimenti di prodotti a pagamento sono confusi.

Nel 2012, l’Australia ha cercato di contrastare questa situazione emergente online introducendo una legislazione che rende un reato pubblicizzare o promuovere prodotti del tabacco su internet, a meno che non sia conforme alle leggi esistenti sulla pubblicità. Ma quella legislazione non vieta la vendita online di prodotti del tabacco, compresi i prodotti per il vaping, e può fare ben poco per le pubblicità provenienti da siti web d’oltreoceano.

Non è chiaro se le autorità sanitarie e i regolatori siano consapevoli della portata e dell’esplicita presenza di contenuti di sigarette elettroniche sui social media. Sembra chiaro che si dovrebbe fare di più per contrastarlo.

L’Australia, insieme a quasi 170 altri paesi, è firmataria della Convenzione quadro dell’OMS sul controllo del tabacco, che invita le nazioni a bandire tutta la pubblicità dei prodotti del tabacco, comprese le sigarette elettroniche.

È necessario agire. L’Australia, e le altre nazioni da cui proviene questo contenuto, devono dare priorità alla salute pubblica. C’è bisogno di migliorare la sorveglianza, il monitoraggio e la limitazione dei contenuti che esaltano le sigarette elettroniche, così come di migliorare le pratiche di verifica dell’età.

Immagini utilizzate per gentile concessione di Pexels/Parich Sitthichai

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi l’articolo originale.