Il supporto per il desktop remoto di Parsec per MacOS viene finalmente lanciato

Il supporto per il desktop remoto di Parsec per MacOS viene finalmente FVqDgNJi 1 1

Il popolare servizio di streaming di giochi Parsec ha annunciato che il supporto per il desktop remoto sta arrivando su MacOS sia per uso commerciale che personale.

Il desktop remoto su MacOS ora garantisce agli utenti i controlli granulari, l’automazione e le capacità di integrazione di Parsec for Teams alle aziende e agli individui che utilizzano workstation Mac ad alta potenza.

Le stesse alte prestazioni, bassa latenza, e lo streaming reattivo che è stato regolato per il gioco sono ora portate ai moderni iMac, Macbook, e Mac Pro che eseguono Catalina 10.15 o superiore.

Ma il desktop remoto per MacOS non ha attualmente tutte le stesse caratteristiche di Windows. E poiché questa è una versione in anteprima, Parsec suggerisce di usarla in combinazione con un’altra applicazione di desktop remoto, per sicurezza.

Ecco le caratteristiche che sono attualmente disponibili con Parsec remote desktop per MacOS:

  • Streaming multimonitor
  • Compatibile con Parsec Relay Server
  • Supporto per la penna
  • Condivisione dei link
  • Computer di squadra (disponibile solo tramite GUI, non CLI)
  • Risoluzione regolabile (regolabile solo dalle impostazioni di MacOS)
  • Streaming audio (è necessario il driver Parsec Audio Capture per lo streaming audio)

In termini di requisiti per eseguire il desktop remoto Parsec per MacOS, gli utenti devono avere un sistema che esegue MacOS Catalina 10.15 o più recente. Ma si raccomanda di avere un hardware Mac 2019 o successivo (incluso Apple M1) e una connessione di rete cablata, anche se non sono obbligatori.

Gli utenti possono scaricare Parsec per MacOS direttamente dalla pagina di download del servizio gratuitamente e la configurazione è facile come scaricare il software e creare un account. Se un account è già stato creato, basta effettuare il login.

LEGGI  'Un grido di battaglia:' il rilascio di Bill Cosby non dovrebbe scoraggiare le vittime di violenza sessuale