Il direttore di ‘The Witcher 3’ ha lasciato CD Projekt RED

Il direttore di The Witcher 3 ha lasciato CD Projekt RED Q7Ncu 1 1

Konrad Tomaszkiewicz, direttore di The Witcher 3, si è dimesso da CD Projekt RED, nonostante sia uscito pulito dall’inchiesta sul bullismo.

Tomaszkiewcz ha lavorato al titolo blockbuster di CDPR del 2015, The Witcher 3. Recentemente è stato coinvolto in un’indagine relativa al bullismo sul posto di lavoro.

Il regista, tuttavia, non si è dichiarato colpevole.

Il regista di ‘The Witcher 3’ lascia CDPR.

Nonostante sia uscito pulito dal caso, Konrad Tomaszkiewcz ha deciso di dimettersi dal suo incarico e dall’azienda polacca.

Ha detto che è per tutto il cattivo sangue che ho causato.

Lo sviluppatore ha anche riconosciuto che ci sono state persone che non si sono sentite a proprio agio a lavorare con il regista.

E così, il signor Tomaszkiewcz ha scelto di andarsene scusandosi con coloro che si sentivano a disagio a causa sua.

Oltre a The Witcher 3, ha contribuito all’espansione di Hearts of Stone e Blood and Wine.

Inoltre, ha lavorato anche ai primi due episodi di The Witcher di CDPR. Inoltre, è stato il secondo direttore e capo della produzione di Cyberpunk 2077.

Parlando dello sviluppatore stesso, poi, il suo ambiente di lavoro è sempre rimasto al centro delle critiche per anni.

Mentre il rendere i suoi sviluppatori scricchiolanti è stato interamente evidenziato, i problemi di bullismo sul posto di lavoro erano anche evidenti.

Le recensioni di Glassdoor per CDPR hanno rivelato vari problemi di bullismo anni fa. Ci sono state molte critiche anche da parte di coloro che hanno postato le loro opinioni sul portale.

LEGGI  I siti di e-commerce cinesi stanno affittando account per aggirare le nuove restrizioni di gioco per i minori

È interessante notare che questi problemi sono emersi anche prima del lancio di The Witcher 3.

Si spera che l’azienda ora non veda l’ora di correggere ogni problema all’interno.

LEGGI TUTTO: CDPR confida in più vendite di Cyberpunk 2077 in futuro

CD Projekt RED e le tante polemiche in crescita!

Si può definire una serie di disgrazie, ma c’è qualcosa che non va in CD Projekt RED dall’anno scorso.

Da quando ha annunciato Cyberpunk 2077 e ha iniziato a lavorarci, ci sono state molteplici controversie.

Che si tratti di ritardi costanti ed estesi o di far andare i suoi sviluppatori in modalità overdrive, gli attacchi e le critiche non hanno fatto che aumentare, soprattutto dopo l’agosto 2020.

Lo sviluppatore polacco ha fatto molti errori, continuamente.

In primo luogo, non ha mai mostrato trasparenza nel mettere in chiaro il punto su Cyberpunk 2077 e il suo stato. E quando alla fine è stato lanciato, è stato più o meno un arrivo disastroso!

Sì, le vendite sono buone, portando più soldi, ma sembra una grande opportunità persa per CD Projekt RED.

Molti giocatori hanno sofferto a causa del problema della pessima giocabilità e degli inevitabili glitch.

Se questo non bastasse, lo studio ha poi affrontato un’altra situazione difficile all’inizio di quest’anno, quando un gruppo di hacker ha attaccato i suoi server.

Inoltre, ha affermato che ha rubato informazioni vitali associate a molti dei suoi giochi.