DeepMind ha perso un tentativo di un anno di chiedere più indipendenza da Google

DeepMind ha perso un tentativo di un anno di chiedere piu indipendenza MBNho6NTS 1 1

Le tensioni e i conflitti tra Google e la sua azienda di cervelli AI, DeepMind, sono sempre affascinanti ed eccitanti da osservare.

Parlare della storia di entrambe queste aziende darà una migliore comprensione del loro rapporto a lungo termine. DeepMind è stata fondata nel 2010.

È la casa dei migliori ricercatori di IA da ogni parte del mondo. Producono un flusso costante di articoli accademici perspicaci e copertine di Nature.

D’altra parte, Google ha riacquistato DeepMind nel 2014. Google finanzia tutti gli oneri finanziari sostenuti da DeepMind. E in cambio, vuole spremere soldi da quei cervelli intellettuali e di talento.

Secondo un rapporto pubblicato sul Wall Street Journal, Google aveva terminato una trattativa durata anni. Le due aziende stavano discutendo un risultato particolare.

Alla fine, Google ha respinto l’appello di DeepMind che chiedeva più indipendenza. Secondo il rapporto, DeepMind ha fatto questo discorso alla fine del mese scorso.

Qual è la richiesta fatta da DeepMind che Google ha respinto?

Nella richiesta, l’azienda ha suggerito di avere la stessa struttura legale di una non-profit. Di conseguenza, DeepMind non era pronta ad accettare il controllo da parte di una singola entità aziendale.

L’istanza ha indicato che una singola unità aziendale non dovrebbe controllare la potente intelligenza artificiale ricercata dai cervelli talentuosi e intellettuali della società.

Secondo quanto riferito, DeepMind ha perso un tentativo durato anni per ottenere maggiore indipendenza da Google https://t.co/accGYbvaY9 pic.twitter.com/2JvFZcDSy8

LEGGI  Amazon potrebbe lanciare presto due nuovi Kindle Paperwhite con display più grandi

– The Verge (@verge) 21 maggio 2021

In seguito, l’azienda ha chiesto più indipendenza da Google. Al contrario, Google, d’altra parte, non era d’accordo con questo. Ha respinto la richiesta sostenendo che non ha senso.

Inoltre, Google ha chiesto a DeepMind di considerare il denaro versato dal primo.

Questo conflitto non è affatto sorprendente. Secondo i dirigenti di Google, il futuro dell’azienda è nelle mani dell’intelligenza artificiale.

La linea di fondo del contenuto

Attraverso varie notizie, la società proprietaria sta facendo pressione su DeepMind per commercializzare il suo lavoro. Tuttavia, questo disaccordo nelle intese di entrambe le società ha portato a diversi progetti.

Per citarne alcuni, il miglioramento della durata della batteria su Android e la riduzione dei costi energetici nei suoi data center.

Considerando questi tentativi, i benefici di questi sforzi fatti dall’azienda AI non sono chiari. Inoltre, Google non può dare uno status non-profit a DeepMind se il primo vuole i suoi soldi.

Oltre ai conflitti, c’è un’altra ragione per la richiesta di DeepMind. Google ha promesso di istituire un comitato etico per affermare che la tecnologia utilizzata viene impiegata in modo ragionevole.

Inoltre, la portata esatta e la natura del comitato non sono ancora chiare. Considerando un rapporto di The Economist, il consiglio detiene anche la proprietà su qualsiasi tecnologia associata all’IA, dato che DeepMind la crea.